Lavorare come traduttore in Bulgaria (4)

 Categoria: Traduttori freelance

< Terza parte di questo articolo

Transizione permanente
Pian piano e senza far tanto clamore è arrivato l’anno 2000. L’internet aveva già iniziato da qualche anno la sua marcia trionfante diffondendosi in tutta la Bulgaria. Con l’apparizione e lo sviluppo della rete mondiale il lavoro dei traduttori si è ulteriormente semplificato. Non bisogna girare per la città per consegnare il testo tradotto o prendere il materiale da tradurre, visto che le agenzie mandavano tutto per posta elettronica (il fax pian piano è sparito dalla circolazione). Per me questo significa avere a disposizione più tempo da dedicare alla cura dei testi tradotti.

I programmi di elaborazione dei testi avevano subito una rapidissima evoluzione. Quasi non riuscivo a seguire tutte le novità. Tuttavia cercavo di essere informata su tutto quello che concerneva il settore delle traduzioni e di ampliare le mie conoscenze, specialmente in materia di diritto ed economia. Sono apparsi i primi programmi di traduzione assistita (fantascienza all’epoca dei miei studi universitari). Naturalmente, potevo soltanto informarmi in oggetto, visto che tali programmi costavano (e tutt’ora costano) un occhio della testa e presuppongono un elevato grado di ripetizioni nei testi, mentre a me raramente succede che si ripeta un testo da tradurre nell’arco di un anno (salvi gli atti di stato civile).

La diffusione di massa dell’internet ha avuto un altro effetto sul settore delle traduzioni e vale a dire l’allargamento delle opportunità di lavoro a tutto il territorio nazionale e la possibilità di avere a portata di mano un accesso illimitato ad informazioni dettagliate sugli svariati argomenti dei testi da tradurre assegnatimi. Il settore della traduzione è in continua evoluzione seguendo e a volte anticipando i grandi cambiamenti tecnologici e mentali. Il mondo è in continuo movimento e noi traduttori non dobbiamo mai smettere di perfezionarci e di istruirci.

Articolo scritto da:
Ina Peeva
Dott.ssa di Ricerca
Varna – Bulgaria