La traduzione: ponte tra mondi diversi

 Categoria: Traduttori freelance

Ho sempre cercato di capire sin da piccola l’importanza e la straordinarietà della traduzione. “E’ vietato gettare oggetti fuori dal finestrino” leggevo sui treni, e puntualmente restavo affascinata dai diversi modi utilizzati per spiegare un messaggio che avrebbe avuto un significato comune a tutti. Ho deciso quindi di approfondire questa “magia” studiando le lingue.

Credo che la definizione di traduzione sia quella di “ponte tra mondi diversi“, un modo per avvicinare non solo le lingue, le culture diverse, ma anche un modo per unire e confrontare le idee dell’autore del testo di partenza e le scelte del traduttore del testo di arrivo. Ecco, il testo di arrivo. Il compito difficile del traduttore riflette la sua abilità a rendere il testo da cui parte accessibile ai lettori del testo tradotto, e in quella “dimostrazione” c’è tutto un mondo di riflessioni, scelte linguistiche, di aggiunte, omissioni e note. Ma c’è anche una grande passione verso tutto ciò che non si conosce fino a quel momento. Tradurre non significa solamente riportare con “fedeltà” una parola straniera verso la propria lingua madre e/o viceversa; tradurre significa anche scoprire culture, tradizioni, espressioni diverse, fare un confronto su tutto quello che non appartiene alla nostra cultura. Io trovo che questa sia la straordinaria chance che la traduzione può offrire. Esistono lingue difficili per cui il traduttore deve far fronte a scelte ben precise, capire cosa può implicare una parola in quel paese di destinazione, cercando di “avvicinarsi” quanto più possibile al pensiero dell’autore, rischiando, a volte, di non esserne all’altezza.

Nel corso degli anni di studio delle lingue, della letteratura e della traduzione ho scoperto una passione verso tutto ciò che implica la conoscenza dell’altro, nel senso più esteso del termine, e ho cercato sempre di accorciare le distanze quando capivo la difficoltà di questo magico incontro. In un mondo come il nostro dove le diversità sono tali da renderne impossibile il dialogo, l’unico modo per poter riuscire nell’intento è attraverso la traduzione, come ponte tra paesi lontani, dove il sapere DEVE essere accessibile a tutti, tale da rompere qualsiasi barriera e condividerlo universalmente.

Autore dell’articolo:
Antonia Bruno
Traduttrice EN-ES>IT
Cataforio (RC)