Il vero significato della traduzione

 Categoria: Traduttori freelance

René Magritte, uno dei più grandi pittori surrealisti europei, soleva dire: “Se il sogno è la traduzione della realtà, allora la realtà è la traduzione del sogno”. L’uomo che fece suo il concetto di indefinibilità del reale, racchiude in questa affermazione l’importanza del concetto stesso di traduzione: la capacità di decodificare linguaggi diversi e renderli l’uno l’immagine speculare dell’altro.

Tradurre un testo significa conoscerne profondamente l’essenza, non solo la lingua. Una trasposizione asettica, meramente basata sul meccanico adattamento di una lingua ad un’altra, svilisce il contenuto di qualsiasi messaggio, rendendo quest’ultimo privo di quell’efficacia che gli era propria nella sua versione originale. La traduzione è un processo complesso che non può prescindere dalla consapevolezza dell’esistenza di codici culturali diversi che ne influenzano la riuscita e, soprattutto, la fedeltà.

In tempi dove il web la fa da padrone, dove l’immediatezza e l’accessibilità sono caratteristiche irrinunciabili, spesso la traduzione è messa in secondo piano, finendo col generare degli errori macroscopici che nel migliore dei casi si limitano a rendere il messaggio meno comprensibile al ricevente, nel peggiore troncano sul nascere una diffusione su larga scala del messaggio.
Tristemente emblematica e, a dire il vero, anche involontariamente comica resta l’ormai famigerata campagna pubblicitaria sul latte made in USA che è riuscita a creare un vero e proprio tamburo mediatico puntando sull’incisività della frase “Got Milk?”. Se per il mercato americano lo slogan risultava efficace e simpatico, altrettanto non si poteva dire per il confinante territorio messicano, dove l’improbabile traduzione ispanica “¿Tiene Leche?” (che tradotto significa “Stai allattando?” ) rendeva lo slogan originale decisamente ridicolo.

Se per Magritte sognare era un modo di rivivere secondo un’altra prospettiva il vissuto reale, per un traduttore il proprio mestiere dovrebbe essere un modo per far rivivere secondo la cultura e la lingua di un altro Paese ciò che di importante si nasconde tra le parole.

Autore dell’articolo:
Desirée Pucci
Traduttrice freelance EN>IT
Empoli (FI)