Come non imparare l’italiano

 Categoria: Traduttori freelance

Il titolo “come non imparare l’italiano” è un poco strano, lo so, ma deve essere così perché è riferito a problemi che troviamo quando una persona impara una lingua diversa, in questo caso l’italiano. Io sono madrelingua spagnola, e prima d’iniziare a studiare l’italiano tanta gente mi diceva che sicuramente non avrei avuto bisogno di studiarlo, che era possibile imparare solo ascoltando…niente di più sbagliato! Dopo aver studiato l’italiano per più di un anno (e continuo a studiare), ho capito che ci sono degli ostacoli che possono creare confusione per imparare questa lingua, oggi scriverò uno di questi: i falsi amici.

Tante volte ho sentito dire che l’italiano è facile da imparare perché sono tante le parole identiche, questa è un’affermazione sbagliata. È vero che esistono tante parole uguali tra lo spagnolo e l’italiano, ma hanno un significato completamente diverso, questo invece di essere un vantaggio diventa un problema al momento d’imparare.
In linguistica si conoscono come “falsi amici” quelle parole o frasi di una certa lingua che presentano una notevole somiglianza con altre di una lingua diversa, ma con un significato completamente differente.
I falsi amici sono più comuni fra le lingue con una somiglianza nella pronuncia o nella grafia, come succede tra lo spagnolo e l’italiano. Questi sono alcuni esempi di falsi amici:

Burro: Spagnolo = asino
Brutto: Spagnolo = stupido
Largo: Spagnolo= lungo
Loro: Spagnolo = pappagallo
Caldo: Spagnolo =brodo
Cintura: Spagnolo = vita
Gota: Spagnolo = goccia
Nudo: Spagnolo = nodo
Ponte: Spagnolo = mettiti
Rata: Spagnolo = ratto
Vaso: Spagnolo = bicchiere

Come potete vedere, questo è uno dei tanti fenomeni linguistici che rendono più difficile l’apprendimento dell’italiano, perché naturalmente quando uno si trova davanti a una parola straniera che sembra simile a una parola appartenente alla propria lingua madre, si tende a pensare che le due parole abbiano lo stesso significato.
Tuttavia questo è un problema completamente superabile con tanto studio e pratica costante della lingua che si vuole imparare, l’uso dei numerosi dizionari di falsi amici che aiutano a evitare interpretazioni sbagliate e tenere sempre presente che esiste il rischio di commettere errori quando ci si abbandona a riflessi automatici nell’uso della lingua, invece di pensare attivamente.

Autore dell’articolo:
Rivera Ugarte Jeimy Patricia
Traduttrice EN-IT>ES