I realia nel russo e nell’inglese

 Categoria: Tecniche di traduzione

Un’adeguata traduzione dei realia è uno degli aspetti più complicati ed importanti di una traduzione, poiché, quando si traduce, non si trasferiscono semplicemente i significati delle singole unità linguistiche da un idioma ad un altro, ma si cercano i perfetti equivalenti che tengano conto delle specificità culturali ed intellettuali della lingua di arrivo. La caratteristica della traduzione, a differenza di tutti gli altri mezzi linguistici, consiste nella totale corrispondenza con il testo originale: i lettori madrelingua si rapportano infatti al testo tradotto come se fosse il testo di partenza. Allo stesso tempo è evidente che non sia possibile una totale uguaglianza tra il testo originale ed il testo tradotto, ma ciò non ostacola un’adeguata ricezione del messaggio iniziale.

Un idioma non è soltanto un sistema di concetti linguistici e grammaticali, ma è prima di tutto una complessa struttura psicologica. Possiamo definire una lingua come un sistema o un’organizzazione, come un mezzo di comunicazione, ma anche come riflesso della cultura nella quale vive. Oltre a ciò, una lingua esprime la percezione del mondo di ogni individuo appartenente ad un popolo.
E’ a tal proposito che subentra una problematica, vale a dire quella di trasferire informazioni implicite, ovvero il pensiero dell’autore.
Data l’impossibilità di avere perfetta corrispondenza per tutte le unità linguistiche nella lingua di arrivo, è stato introdotto il termine “equivalenza”, che indica la comunanza di contenuti, e può essere considerato come un aspetto e presupposto della traduzione.

Una lingua non è una mera «nomenclatura», una lista di lemmi, ognuno corrispondente ad un determinato oggetto fuori dalla lingua: Secondo Saussure, se le parole indicassero i concetti in anticipo, avrebbero perfetta equivalenza semantica in tutte le lingue, cosa che però non trova assolutamente riscontro nella realtà. Ogni lingua ha il proprio sistema concettuale e formale, un sistema convenzionale di segni atto ad organizzare il mondo circostante. La lingua rispecchia infatti la realtà che circonda l’uomo e la percezione che una popolazione ha di sé, dettata dal proprio stile di vita e dalle caratteristiche nazionali. Una lingua è inoltre l’espressione di una certa cultura attraverso le opere d’arte, di cui cerchiamo di interpretare il più fedelmente possibile emozioni e preoccupazioni proprie di ciascun popolo, e che ci aiutano a determinarne le caratteristiche nazional-culturali e l’autoidentificazione.

Seconda parte di questo articolo >

Fonte: Articolo scritto da Fominykh Anna Dmitrievna e Palutina Olga Gennadevna e pubblicato sulla rivista online Gramota

Traduzione a cura di:
Laura Caselli
Interprete e traduttrice Russo/Tedesco/Inglese – Italiano
Bologna