I realia nel russo e nell’inglese (2)

 Categoria: Tecniche di traduzione

< Prima parte di questo articolo

Dato il processo di globalizzazione è indubbio il fatto che per una comunicazione efficace sia certamente necessaria la conoscenza della lingua, ma anche delle peculiarità insite in ogni cultura e nel relativo modo di comunicare. Un idioma è in costante relazione con cultura, sviluppo sociale e delle diverse sfere di attività dell’uomo, quali scienza, tecnica, letteratura e cinematografia. Secondo E. Sapir e B. Whorf, struttura linguistica e semantica di una lingua sono correlate alla mentalità e al modo in cui essa ritrae il mondo in cui vive una certa popolazione. Tuttavia la traduzione, o, più precisamente, la trasposizione di un’unità semantica che rappresenta un realia nei suoi possibili equivalenti, non si limita alla mera acquisizione delle conoscenze pregresse, nonostante queste ultime ricoprano un ruolo importante nella comprensione di un messaggio, sia esso implicito o esplicito.

Le conoscenze di base sono per l’appunto un insieme di rappresentazioni del contesto nel quale si sviluppa la vita quotidiana di un certo paese, di un certo popolo. L’informazione di base può essere contenuta in una semplicissima parola, e comparire nel testo come contesto verticale. Il cosiddetto contesto verticale è un significato recondito che può contenere simboli, giochi di parole, allusioni e riferimenti non chiari, nascosti, contenuti più ampi volutamente introdotti dall’autore stesso. E’ quel significato celato (implicito) che coesiste all’interno dello stesso enunciato con ciò che viene espresso apertamente, il significato esplicito.

Da ciò ne deriva che il traduttore deve conoscere le usanze di una determinata popolazione, deve conoscere i cosiddetti realia. Con realia si intendono vita, abitudini, usi e costumi, sistema politico (1) del paese di riferimento, vale a dire tutto ciò che crea l’immagine nazionale e tipica di un popolo; essi possono essere studiati da un punto di vista sia sincronico che diacronico, in quanto un idioma è in continuo sviluppo, cede e acquisisce elementi linguistici che riflettono nuovi fenomeni e concetti.

Terza parte di questo articolo >

Fonte: Articolo scritto da Fominykh Anna Dmitrievna e Palutina Olga Gennadevna e pubblicato sulla rivista online Gramota

Traduzione a cura di:
Laura Caselli
Interprete e traduttrice Russo/Tedesco/Inglese – Italiano
Bologna