Le donne nella traduzione (3)

 Categoria: Storia della traduzione

< Seconda parte di questo articolo

6. Alcuni scritti femministi propongono inoltre di sostituire alle metafore sessiste, che segnano la storia della traduzione, quella della gestazione di una traduzione paragonabile a quella di un bambino, ponendo la relazione traduzione/originale non più in termini di “dominio” dell’originale sulla traduzione, ridotta a quello ancillare, ma di collegamento di interdipendenza e di scambio, di dialogo con l’ambiente circostante in senso lato.

7. Tutti questi aggiustamenti o riadeguamenti si ripercuotono a loro volta sul concetto di traduzione. Adottare una prospettiva femminile anzi femminista ci porta a considerare sotto una nuova luce nozioni centrali come quelle di autore e fedeltà per esempio. Se l’autore è colui che “aumenta” il testo, il traduttore che sovrappone (über-setzt) la sua lettura e la sua rienunciazione all’originale, non è forse per definizione lui stesso “autore”, malgrado la riluttanza della società a riconoscergli simbolicamente e giuridicamente questo statuto?

8. Concepire la traduzione come una forma di comunicazione ha paradossalmente reso trasparente il principale agente attraverso il quale opera. Non sarebbe meglio dare al genere testuale “traduzione” la sua nobiltà, riconoscendo lo statuto di regime di scrittura specifica? Un’occasione per ridare ai traduttori il loro posto, il loro corpo e la loro anima, e di attribuire loro non soltanto una responsabilità etica verso il linguaggio, la scrittura, l’autore tradotto e il pubblico target, ma anche un’identità.

9. Infine, dato che le traduzioni che alimentano il dibattito teorico sono quelle dei testi letterari, campo privilegiato di espressione della specificità, dell’identità e della soggettività, non sarebbe necessario interrogarsi sulla differenza dei sessi nelle traduzioni più regolate da norme linguistiche e traduttive?

Fonte: Articolo scritto da Freddie Plassard e pubblicato il 12 novembre 2013 sulla rivista Traduire

Traduzione a cura di:
Giada Maria Piazza
Dott.ssa in Traduzione Specialistica
Palermo