Disuguaglianza di scambi

 Categoria: Storia della traduzione

Il percorso geografico della traduzione in piena globalizzazione
A partire dalla metà del XIX secolo, la traduzione è diventata lo strumento primo di circolazione interculturale delle opere letterarie. Mentre Balzac è stato ampiamente letto in francese, lingua delle élites europee, Zola lo è stato in traduzione. A mano a mano che si creavano le identità, le culture e le letterature nazionali, la traduzione è diventata sempre di più un metodo di democratizzazione e laicizzazione della vita culturale, non solo perché favoriva gli scambi culturali, ma anche perché è stata la base delle letterature che all’epoca emergevano in lingua vernacolare. Partecipando alla codificazione delle lingue nazionali, le traduzioni hanno portato alla creazione di repertori linguistici e stilistici, di modelli di scrittura e di corpus di opere in tali lingue. Un tantino assurda è l’idea che oggi le culture nazionali stiano subendo un processo di ibridazione a causa della traduzione: la storia letteraria ha in effetti tenuto ben nascosto il fatto che le culture e le letterature nazionali si siano costituite sulla base di quei corpus di traduzione che hanno contribuito a normalizzare le lingue nazionali.

Tuttavia, la circolazione delle opere non è né simmetrica né aleatoria. Se seguiamo le opere tradotte dal loro luogo di produzione a quello di pubblicazione, si delinea un percorso geografico che presenta alcuni elementi costanti ma che evolvono nel tempo. Questa costanza evolutiva rivela in realtà un’ineguaglianza di scambi tra lingue e culture. Parlerò in primo luogo della circolazione asimmetrica delle traduzioni tra lingue e paesi, trattando la questione a partire dal punto di origine. In secondo luogo si parlerà di come circolano le traduzioni nelle aree linguistiche considerandole dal punto di vista della loro ricezione. Infine, parleremo della geografia immaginaria della traduzione.

Seconda parte di questo articolo >

Fonte: articolo pubblicato da Gisèle Sapiro sul sito de La Société des Gens de Lettres

Traduzione a cura di:
Vittoria Conti
Traduttrice EN-FR-SP>IT
Firenze