Traduzioni mediche

 Categoria: Servizi di traduzione

Questo articolo parla di un tema molto importante nell’ambiente linguistico, cioè l’ importanza della traduzione in medicina. Se chiedete ad un qualsiasi interprete, linguista o filologo quanta importanza ha una traduzione corretta, lui senza pensare risponderà “tantissima”, perché sa che anche una parola tradotta in un modo sbagliato, può cambiare completamente il senso della frase e nel caso di documenti o certificati medici può causare conseguenze imprevedibili e disastrose. Solo ieri nel telegiornale russo ho sentito una notizia sconvolgente: un medico di Taiwan ha infettato cinque pazienti con il virus HIV, trapiantando loro organi di un uomo portatore di HIV perché non è riuscito a tradurre il risultato degli esami del sangue scritti in inglese…Questo sbaglio assurdo cambierà per sempre la vita non solo di quei cinque malcapitati, ma sicuramente anche la vita del medico… Pensate! La medicina, una disciplina precisa e concreta, sembra così lontana dall’aspetto linguistico, invece la vita ci mostra che in certi casi l’una non funziona senza l’altra. Non sono medico e per me la medicina è una cosa buia, quasi un altro mondo di cui capisco pochissimo e non mi stanco di ammirare le capacità dei dottori che sanno come salvarci la vita (la cosa più preziosa che abbiamo) e curare il nostro corpo.

Mi è capitato di conoscere alcune persone che hanno scelto la professione del medico e anche loro sono obbligati a studiare le lingue straniere (nel mio paese il tedesco oppure l’inglese a scelta) però vengono trattate come materie secondarie ed in maniera sintetica, visto che la facoltà di medicina è molto dura ed impegnativa. Anche a noi studenti della facoltà di lettere non sembrava affatto utile frequentare un corso obbligatorio di medicina mentre dovevamo imparare tutti gli elementi di fonologia, apparato vocale ed imparare centinaia di parole italiane nuove per la prova di domani.

Voglio tornare al dottore di Taiwan, non ho il diritto di giudicarlo ma oltre ad essere un dottore con una particolare istruzione, esperienza e responsabilità è anche lui una persona, come noi, e come tutti noi può sbagliare, per questo se in quell’ospedale ci fosse stato un interprete qualificato, probabilmente si sarebbe potuto evitare quell’ incidente tragico che ha cambiato sei destini (senza contare quelli dei parenti delle vittime e del dottore). Magari se ognuno farà solo il suo lavoro la vita sarà un po’ più sicura?

Autore dell’articolo:
Darya Pisarchyk
Traduttrice russo italiano e italiano russo