Traduzione in ebraico a livello professionale

 Categoria: Servizi di traduzione

L’ebraico è  una lingua antica che appartiene alle lingue semitiche e, dopo che è stata rinnovata negli ultimi cent’anni, rappresenta la lingua ufficiale dello Stato d’Israele.
E’ importante sapere che questa lingua è considerata come una delle più difficili da studiare a causa della complessità della sintassi, delle moltissime regole grammaticali, della struttura dei verbi con tutte le coniugazioni verbali (“bynyanym”) e per l’assenza di vocali in ogni parola.

La difficoltà si evidenzia quando c’e la necessità di tradurre dei testi da altre lingue in ebraico: difficoltà per l’origine linguistica, grammaticale, del vocabolario e per le diverse espressioni . Perciò è molto importante la scelta di un traduttore professionista che sia capace di fare una traduzione di alta qualità che trasmetta i significati e i messaggi del contenuto tradotto  in modo preciso.

La sfida della traduzione di parole ed espressioni in ebraico
Una traduzione da una lingua straniera richiede ad un traduttore professionista di trovare le parole adatte al significato del testo con tutte le sue sfumature anche se ci sono giochi di parole, immagini, più significati, espressioni idiomatiche o parole che descrivono un aspetto molto specifico di un dispositivo o di una qualsiasi sua parte o una sua modalità di funzionamento sapendo che tutto questo non esiste nella lingua in cui si sta traducendo.

Questa sfida di lavoro della traduzione si distingue ancora di più nella traduzione in ebraico in quanto, rispetto alle altre lingue, la lingua ebraica è relativamente meno ricca come termini di vocabolario e di espressioni.

Perciò una traduzione in ebraico da una lingua straniera richiede la comprensione approfondita dei significati delle due lingue, la ricerca di adeguate soluzioni  in termini di significato, precisione e spirito del testo.

Differenza di lunghezza del testo tradotto e impaginazione grafica
L’ebraico è considerata una lingua più corta rispetto le altre lingue, prevalentemente a causa  della sua ricchezza morfologica e delle caratteristiche specifiche dei pronomi, degli aggettivi e delle declinazioni verbali e questo consente di esprimere in poche parole quello che in altre lingue è espresso con frasi più lunghe e complesse. Inoltre il vocabolario della lingua ebraica è più breve perché l’ebraico è una lingua nuova e giovane che non ha ancora un vocabolario così vasto come hanno altre lingue.

Per queste ed altre ragioni nella traduzione in ebraico si riduce notevolmente il testo tradotto, rispetto a quello originale. A questo si deve poi aggiungere “la sfida” della direzione della scrittura, infatti la lingua ebraica è scritta da destra a sinistra come l’arabo, il contrario rispetto alle lingue europee.

La differenza di sintassi e grammatica nella traduzione in ebraico
Una traduzione in ebraico richiede al traduttore di superare le differenze sostanziali della sintassi, della grammatica e delle espressioni idiomatiche. Ad es. nella lingua ebraica c’e la separazione completa tra maschile e femminile, mentre nella maggior parte delle altre lingue non esiste. Traducendo una frase semplice che parla ad entrambi i sessi dall’inglese in ebraico, occorre usare un approccio diverso e tanta creatività.

Questo argomento è particolarmente evidente nei testi commerciali quando si parla  dirittamente ad un certo genere di pubblico. Si riesce a superare il problema con la forma maschile oppure in modo professionale e più  intelligente usando ad es. le parole che si rivolgono agli uomini e alle donne nello stesso modo:  (“לך- lekha/lakh- a te),   ( בשבילך- bishvilkha/bishvilekh – per te ), (רוצה – rotze/rotza – tu vuoi).

Fonte: Articolo pubblicato il 28/04/2014 sul Blog dell’Agenzia di Traduzione Israeliana “Hever  hametarghemym” sul sito TARGUM.CO.IL

Traduzione a cura di:
Lily Sherman
Traduttrice: ebraico/russo <> italiano
Haifa (Israele)