Traduzione di testi antichi

 Categoria: Servizi di traduzione

Nell’articolo di oggi riportiamo l’interessante classificazione degli spostamenti che si producono nel processo traduttivo proposta da una grandissima studiosa spagnola, Amparo Hurtado, senza la quale la teoria della traduzione oggi non sarebbe quello che è. Ella li suddivide in:

Linguisitico: la lingua di partenza e la lingua d’arrivo hanno ognuna la propria storia, la propria struttura e le proprie peculiarità.
Umano: l’autore del testo originale e quello del testo d’uscita (il traduttore) sono due persone distinte, con i loro caratteri, i loro gusti, le loro conoscenze, i loro limiti, i loro condizionamenti.
Cronologico: lo scarto di tempo dal momento della stesura del testo originale al momento della traduzione può essere minimo ma può essere anche notevole.
Socioculturale: la cultura della lingua di partenza può essere simile a quella della lingua d’arrivo ma anche molto distante.
Di destinatario: i fruitori del testo d’uscita sono sempre importanti. Questo spostamento può essere quasi nullo ma anche determinante.

Lo spostamento cronologico, non a caso il nocciolo del suo dottorato, è considerato dalla studiosa il più importante di tutti.
Secondo Hurtado, la traduzione di testi antichi crea sempre al traduttore un problema doppio di percezione dovuto alle differenze linguistiche e culturali esistenti tra il periodo in cui viene redatto il testo originale e quello in cui viene tradotto. Più è ampio il lasso di tempo che intercorre tra la stesura del testo originale e la traduzione più le difficoltà aumentano.
Il traduttore in pratica deve affrontare uno spostamento linguistico e uno spostamento socioculturale amplificati dallo scorrere del tempo.
La riespressione del significato di un testo di partenza piuttosto “attempato” risulta sicuramente molto più complessa rispetto a un testo moderno poiché il traduttore, da un lato deve adattare una lingua arcaica con espressioni morte e sepolte alla lingua terminale moderna e, dall’altro, fare in modo che le scelte operate risultino comprensibili per il destinatario.