Il miglior modo per insegnare le lingue (4)

 Categoria: Le lingue

< Terza parte di questo articolo

Un’indagine della Commissione Europea datata 2011, mostra il Regno Unito in fondo alle classifiche delle lingue insegnate in ogni paese. La riforma nazionale dei corsi di studio – che dovrebbe entrare in vigore l’anno prossimo e che inserirà l’insegnamento obbligatorio di una lingua straniera dall’età di sette anni – potrebbe essere d’aiuto. Ma sembra comunque che il Regno Unito abbia ancora tanta strada da fare prima di raggiungere gli altri paesi europei.

In media, gli studenti europei iniziano ad apprendere le lingue  tra i sei e i nove anni, ma in molti casi cominciano anche più giovani. In Belgio l’apprendimento inizia durante l’educazione infantile, all’età di appena tre anni ed è obbligatorio fino ai diciotto. Per i bambini in Spagna, Italia, Norvegia, le lezioni di lingua iniziano all’età di sei anni, mentre nel Lussemburgo gli studenti che scelgono alcuni percorsi di studio devono apprendere fino a quattro lingue durante l’istruzione superiore.

Christelle Bernard afferma che sebbene nell’Europa continentale i metodi di insegnamento delle lingue siano ancora, a volte, orientati verso la grammatica, è la comprensione del fatto che quelle lingue torneranno utili col passare del tempo che aiuta a motivare gli studenti.

“Se non affrontiamo il lato professionale delle lingue, queste non sembrano avere grande rilevanza per i bambini inglesi”

Ma a fronte di tutta l’innovazione portata nella pedagogia linguistica, in ultima analisi si può dire che l’insegnamento delle lingue nel Regno Unito può ancora essere ostacolato dalla mancanza di comprensione da parte degli studenti della loro stessa lingua madre. Alex Rawlings a questo proposito afferma: “In molti paesi europei gli studenti spendono molto più tempo studiando la grammatica e le strutture della propria lingua madre – e lo fanno fin dalla più giovane età. Così, quando iniziano ad affrontare l’apprendimento delle lingue straniere, gli studenti sono consapevoli  delle parole e di come queste vengano impiegate.

Il professor Hudson concorda: “Il percorso verso un corso di studio delle lingue straniere orientato in senso comunicativo e basato su compiti è stato guidato dal fatto che gli insegnati non potevano più parlare di grammatica, perché questa non veniva più insegnata durante le lezioni di Inglese. Le due materie sono strettamente interconnesse.

Fonte: Articolo scritto da Martin Williams,  pubblicato il 14 maggio 2013 sul sito del The Guardian

Traduzione a cura di:
Dottor Luca Giubilato
Traduttore Inglese-Spagnolo-Cinese>Italiano
Ficarazzi (PA)