Il latino: la lingua della preghiera

 Categoria: Le lingue

Nel passato, prima ancora che alcuni di voi nascessero, i raggi solari cadevano ad ogni ora sulle Cappelle e le Cattedrali, gli ospedali ed accampamenti, luoghi dove a Dio si offriva incessantemente il Santo Sacrificio della Messa. Sapete già che quando il sole si posiziona nel nostro emisfero occidentale, sorge ad Est: in Australia, in Asia, in Europa ed in Africa. Così, in ogni momento, in qualche parte del mondo, un Sacerdote stava ai piedi dell’Altare, dicendo in latino: “Introibo ad altare Dei”, cioè “Verrò all’altare di Dio” (v. Salmo 42, 4).

Il latino è la pia voce del Rito Romano, al quale appartengono decine di milioni di cattolici. Nell’offerta universale della Messa si realizza la profezia dell’Antico Testamento: “Poiché dall’oriente all’occidente grande è il mio nome fra le genti e in ogni luogo è offerto incenso al mio nome e una oblazione pura, perché grande è il mio nome fra le genti, dice il Signore degli eserciti” (Malachia 1, 11). Il latino è una lingua sacra. Per comunicare con gli altri, utilizziamo le altre lingue, ma per parlare con Dio usiamo il latino. Le altre lingue sono state usate in certe parti o regioni del mondo; il latino fu usato universalmente, prima della Grande Apostasia.

La lingua latina fu santificata per mezzo dell’iscrizione mistica sulla Croce: “Iesus Nazarenus, Rex Iudaeorum”, ossia “Gesù Nazareno Re dei Giudei”. Oltre ad essere in latino, l’iscrizione era anche in ebraico ed in greco. Questo lo leggiamo nella Passione secondo i santi Matteo, Marco, Luca e Giovanni. Fu Pilato che diede questo titolo. Quando gli ebrei protestarono, egli disse: “Quod scripsi, scripsi”, cioè “Quel che ho scritto, ho scritto”. Dall’inizio stesso dell’istituzione della Santa Messa, l’incruento sacrificio si è offerto principalmente in queste tre lingue. Col tempo, tuttavia, la lingua latina prevalse.

Seconda parte di questo articolo >

Fonte: Congregatio Mariae ReginaeImmaculatae

Testo tradotto dallo spagnolo a cura di:
D’Ignoti Carlo
Perito Industriale
Traduttore ES>IT et IT>ES
Catania