12 spunti interessanti sul linguaggio (2)

 Categoria: Le lingue

< Prima parte di questo articolo

8. Il linguaggio si è sviluppato per rafforzare i legami sociali tra i nostri antenati. Uno studio sui Macachi supporta l’idea che le lingue possano essersi evolute per rimpiazzare il grooming (“spulciarsi”, NdT) come strumento ideale per rafforzare i legami interpersonali. Ma un’altra teoria sostiene che i nostri antenati abbiano sviluppato il linguaggio per imitare i suoni della natura, come il canto degli uccelli e i versi di altri animali. E una terza teoria sostiene che la comunicazione umana possa essere iniziata con l’emissione involontaria di suoni: urla di panico o di sorpresa, o lamenti di tristezza, o risate di gioia o soddisfazione.

9. Imparare una seconda lingua può rendere più intelligenti. Numerosi scienziati concordano sul fatto che divenire poliglotti possa incrementare le facoltà mentali. Altri studi suggeriscono anche che parlare più di una lingua possa aiutare a rallentare il processo di invecchiamento della mente.

10. Le lingue si influenzano costantemente l’un l’altra. Per esempio la lingua Inglese è, di per sé, al 30% Francese, ed ha assimilato parole attraverso l’interscambio lessicale. Questo risulta particolarmente vero quando pensiamo al balletto, e al fatto che quasi tutte le parole che descrivono quello stile di danza sono in Francese.

11. Esistono oltre 200 linguaggi artificiali, che sono stati inventati per i libri, la televisione e il cinema, inclusi i 13 distinti linguaggi dell’universo di Tolkien. Ma i linguaggi fittizi sono vecchi di secoli, fin da quando delle lingue erano inventate per essere utili nel dibattito filosofico.

12. Nonostante questo, le onomatopee non sono condivise tra le lingue. I Rice Krispies negli Stati Uniti fanno “snap, crackle e pop”. Ma in Germania fanno “Knispee! Knasper! Knusper!”. In Francia fanno “Cric! Crac! Croc!”, e in Spagna fanno “Cris! Cras! Cros!”. In Afrikaans le api non ronzano, fanno “zoem-zoem”. E mentre i gatti fanno “meow” in America, fanno “meo-meo” in Vietnam, “nau” in Estonia, e “ngjau” in Malesia. Le vacche sono sacre in India, però non fanno “moo” in Bengali, fanno “hamba”. I gufi thailandesi fanno “hook hook” invece che “hoot”, e i maiali in Albania non fanno “oink”, fanno “hunk hunk”.

13. Bonus! Poiché questo blog è scritto in inglese, ecco qui alcuni aspetti interessanti sulla lingua inglese, nel dettaglio. La più comune lettera, e vocale, nella lingua Inglese è la lettera “E”. Ma la più comune consonante in Inglese è la “R”, seguita dalla “T”. Molte parole inglesi cominciano più con la lettera “S” che con altre. La parola Inglese “alphabet” è composta da due parole greche, che sono le prime due lettere dell’alfabeto Greco: Alpha e Beta. La parola più lunga che non contiene vere vocali è “rhythm”.

Fonte: Articolo scritto da Jennifer Bustance e pubblicato il 27 ottobre 2015 su Language Translation

Traduzione a cura di:
Dr. Andrea Vannini
Biologo ambientale
Prato