La Ritraduzione (8)

 Categoria: Tecniche di traduzione

< Settima parte di questo articolo

Berman quindi distingue due spazi: quello delle prime traduzioni e quello delle ritraduzioni:

D’accordo con Goethe, Berman ritiene che l’intento comunicativo sia oggetto solo della prima traduzione, condannata a una posizione etnocentrica; una volta ‘sbarazzatosi’ della funzione traghettatrice derivata dalla prima traduzione esistente, il ritraduttore sarebbe l’uomo della traduzione etica e poetica […].[22]

Cosa intende Berman con “posizione etnocentrica”? La definizione di “etnocentrismo”, secondo la Treccani, corrisponde a:

In sociologia e psicologia sociale, tendenza a giudicare i membri, la struttura, la cultura, la storia e il comportamento di altri gruppi etnici con riferimento ai valori, alle norme e ai costumi del gruppo a cui si appartiene, per acritica presunzione di una propria superiorità culturale.[23]

Per Berman, dunque, il problema delle “prime traduzioni” non risiede unicamente negli eventuali errori commessi dal traduttore, ma anche dalle influenze che egli stesso subisce dalla propria cultura, che muta da un’epoca all’altra. Ne deduciamo che anche la nuova traduzione potrà essere influenzata da una nuova posizione etnocentrica di un nuovo traduttore ma questa, tendenzialmente, sarà in linea con quella del nuovo lettore in quanto si adatterà al panorama culturale in cui si inserisce.

Scopo principale di una ritraduzione, quindi, è allinearsi a una cultura di ricezione cambiata rispetto alla data di pubblicazione della prima traduzione. Nel panorama italiano, inoltre, nell’ultimo decennio abbiamo assistito a un grosso mutamento della lingua che, oggi, è molto più influenzata dall’inglese, tanto è vero che la maggior parte dei neologismi che sono entrati a fare parte della nostra lingua negli ultimi anni sono di origine anglosassone. Forse anche per questo, l’italiano è diventata una lingua molto più tollerante nei confronti degli anglicismi e lo si riscontra nelle più recenti traduzioni ma anche nelle ritraduzioni.

Autore dell’articolo:
Andrea Facci
Traduttore
Bologna

[22] B. Banoun, A Monte e a Valle: Le Ragioni del Ritradurre, a cura di Andrea Chiurato in Testo a Fronte, vol. 47, p.20.
[23] http://www.treccani.it/vocabolario/etnocentrismo/

La Ritraduzione (7)

 Categoria: Tecniche di traduzione

< Sesta parte di questo articolo

Un altro interessante contributo teorico risiede in La retraduction comme éspace de la traduction di Antoine Berman, in cui il critico francese afferma che esistono delle “grandi traduzioni” che non invecchiano. Si tratta di opere come La Vulgata di San Girolamo, la Bibbia di Lutero o l’Authorised Version: opere che continuano a esistere e che, sebbene necessitino di una modernizzazione, continuano ad avere un pubblico di lettori, anche se limitato. Una “grande traduzione”, secondo Berman, ha caratteristiche ben definite:

Elle se caractérise par une extrême systématicité, au moins égale à celle de l’original.

Elle est le lieu d’une rencontre entre la langue de l’original et celle du traducteur.

Elle crée un lien intense avec l’original […].

Elle constitue […] un précédent incontournable.

[…] ce sont toutes des retraductions.[19]

Il motivo per cui, secondo Berman, tutte le grandes traductions sono ritraduzioni è che

Toute traduction est marquée par de la « non-traduction ». Et les premières traductions sont celles qui sont le plus frappées par la non-traduction. […] La retraduction surgit de la nécessité non certes de supprimer, mais au moins de réduire la défaillance originelle.[20]

Le ritraduzioni, quindi, secondo Berman, sono da considerarsi qualitativamente migliori rispetto alle “prime traduzioni” in quanto, a distanza di tempo, si cerca di attuare modifiche e correzioni volte a migliorare tutte quelle parti in cui il primo traduttore poteva aver riscontrato delle difficoltà. Questo punto di vista è condiviso anche da Xu Jianzhong, che afferma:

Literary retranslation is an artistic recreation and should surpass the former translation(s) because any translated version of the original cannot be perfect. Retranslation is a necessity because of the translator’s desire to surpass. The successive retranslations represent the translator’s perseveringly striving for artistic perfection. It is because of this persevering strife that makes the translated version of literary works, especially famous works, better and better.[21]

Ottava parte di questo articolo >

Autore dell’articolo:
Andrea Facci
Traduttore
Bologna

[19] A. Berman, La Retraduction comme Espace de la Traduction, cit., p. 3.
[20] Ivi, p.5.
[21]X. Jianzhong, Retranslation: Necessary or Unnecessary, p. 193, in E. Skibińska, Autour de la Retraduction. Sur l’Example des Traductions Françaises de Pan Tadeusz, Université de Wroclaw, Institut de Philologie Romane, Wroclaw, p. 395.

La Ritraduzione (6)

 Categoria: Tecniche di traduzione

< Quinta parte di questo articolo

Caso diverso è quello delle numerosissime ritraduzioni, contenute nelle cosiddette ‘collane tascabili’, che spesso non sono eseguite a regola d’arte, ma sono commissionate solo per ragioni economiche:

Assistiamo così a uno sfruttamento dello stesso titolo da più editori, ciascuno dei quali preferisce commissionare una nuova ritraduzione perché questa costa meno che pagare i diritti d’autore a coloro che detengono il copyright di precedenti traduzioni. […] Di certo sono da considerarsi ‘non necessarie’ perché la ritraduzione nasce dall’esigenza di fornire una lettura innovativa del TP e/o una scrittura che ‘aggiorni’ la lingua del TA.[15]

Anche Enrico Monti conferma questa teoria:

[…] une nouvelle traduction peut être par exemple justifiée parce que l’opération s’avère plus rentable que la réédition d’une traduction existante. […] D’ailleurs, selon une pratique « dénoncée » par Jean-Pierre Lefebvre, les rétracteurs seraient souvent moins bien payés que les traducteurs, du fait que leur travail serait « facilité » par les traductions déjà existantes[16] et peut-être aussi en raison du prestige qu’il y a à devenir la nouvelle voix d’une œuvre canonique.[17]

I diritti d’autore sono garantiti per tutta la vita dello scrittore e, dal 2014, anche ai suoi eredi per un periodo di settant’anni dalla sua morte. Gli eredi di Andrea Camilleri, deceduto nel 2019, godranno quindi di questo diritto fino al 2089 e, a partire da quell’anno, ci si potranno aspettare numerose nuove edizioni e ritraduzioni in altre lingue delle sue produzioni, visto che da quel momento le case editrici non dovranno pagare alcun compenso ai suoi eredi per poterne pubblicare le opere. Analogamente:

L’année 2011 a été marquée, par exemple, par une explosion de retraductions des œuvres de Francis Scott Fitzgerald et notamment de The Great Gatsby qui, seulement dans ce début d’année a connu, entre autres, 6 retraductions en italien, 3 en allemand, 2 en espagnol, 1 en français, ce qui nous donne un aperçu de l’importance des facteurs économiques dans ces choix. Les exemples en ce sens sont nombreux : entre 1997 et 1999, on trouve au moins cinq nouvelles traductions des Duineser Elegien de Rilke en anglais – Rilke est mort en 1926. On peut déjà s’attendre, dans les prochains moins, à une augmentation des retraductions des œuvres de James Joyce et Virginia Woolf, vu qu’ils sont décédés en 1941 – sans doute plusieurs retraducteurs partout en Europe et ailleurs sont déjà à l’œuvre…[18]

Settima parte di questo articolo >

Autore dell’articolo:
Andrea Facci
Traduttore
Bologna

[15] P. Pierini, La Ritraduzione in Prospettiva Teorica e Pratica in L’Atto del Tradurre. Aspetti Teorici e Pratici della Traduzione, cit., p. 67.
[16]J.P. Lefebvre, «Retraduire», Traduire, n° 218, 2008, p. 12.
[17] E.Monti, Introduction – La retraduction, un état des lieux, in E. Monti, P. Schnyder, Autour de la Retraduction – Perspectives littéraires européennes, Orizons, Paris, 2011, pp. 17-18.
[18] Ivi, p.19.

La Ritraduzione (5)

 Categoria: Tecniche di traduzione

< Quarta parte di questo articolo

Patrizia Pierini propone un’interessante prospettiva sul mondo editoriale che determinerebbe i tempi e le modalità della ritraduzione.

In un modello teorico della traduzione ‘professionale’ come atto di comunicazione, viene oggi inserito, accanto ai fattori tradizionalmente riconosciuti come costitutivi di ogni atto di comunicazione (traduttore, ricevente, contesto, ecc.), anche il ‘committente’, che si può definire come la persona o l’istituto […] che commissiona la traduzione al traduttore. Nella fattispecie le case editrici influenzano l’attività pratica della ritraduzione in più modi: danno il via al processo decidendo quali testi ritradurre, e intervengono anche sulle modalità del tradurre, sia a livello micro, ad esempio stabilendo di non inserire note esplicative al testo, sia a livello macro, intervenendo sulla funzione del TA.[11]

In alcuni casi, quindi, vengono commissionati dei lavori di ritraduzione non tanto per adattare il testo a un linguaggio più moderno, quanto piuttosto per creare nuove edizioni della stessa opera, indirizzate a destinatari diversi. È il caso, ad esempio, dei classici adattati in libri per bambini (come L’Eneide Raccontata ai Bambini di Mondadori, appartenente alla collana Oscar Junior Classici) su cui vengono effettuati interventi di semplificazione e riduzione del testo di partenza per far sì che il nuovo target possa fruire di un testo adatto alla categoria di lettori a cui è indirizzato.

Così dai Gulliver’s Travels di Swift sono stati lasciati fuori riferimenti e allusioni all’Inghilterra del Settecento, che ha perso così la sua funzione di satira politica; i romanzi di Dickens hanno perduto la loro funzione di critica di taluni aspetti della società vittoriana; le fiabe raccolte dai fratelli Grimm come testimonianze di una ‘letteratura popolare’ di dignità pari alla letteratura ‘colta’, sono diventate storie destinate ai bambini.[12]

Un esempio di questo genere di adattamento è La Divina Commedia a cura di Alberto Cristofori dove,

All’interno di ciascun capitolo si trova il racconto in prosa, condotto sulla falsariga del poema e intercalato da alcuni versi del testo originale, scelti fra i più famosi e memorabili. Il loro significato è sempre spiegato nel testo in prosa, subito prima o subito dopo la citazione. Il libro è quindi anche una sintetica antologia della Divina Commedia.[13]

L’opera non può essere definita come una “ritraduzione” in quanto il testo originale fa parte della letteratura italiana, piuttosto esso è assimilabile a un’attualizzazione dell’originale. Tuttavia, rappresenta un ottimo esempio che illustra la natura di questa tipologia editoriale:

2. La selva oscura

- Dante smarrito

Nel mezzo del cammin di nostra vita
Mi ritrovai per una selva oscura,
ché la diritta via era smarrita.

Era la primavera dell’anno 1300. Avevo quindi trentacinque anni, e siccome la vita degli uomini, se si svolge perfettamente, è per sua natura di settant’anni, mi trovavo proprio a metà del cammino. Mi trovavo anche perduto in una foresta buia, aspra e terribile, che mi terrorizzava e che ancora adesso, nel ricordo, mi suscita spavento. [14]

Sesta parte di questo articolo >

Autore dell’articolo:
Andrea Facci
Traduttore
Bologna

[11] P. Pierini, La Ritraduzione in Prospettiva Teorica e Pratica in L’Atto del Tradurre. Aspetti Teorici e Pratici della Traduzione, cit., p. 66.
[12] Ivi, p. 67.
[13] Dante Alighieri, La Divina Commedia, a cura di Alberto Cristofori, ELI Edizioni, Loreto (AN), 2013
[14] Ivi,, cap. “La Selva Oscura”.

La Ritraduzione (4)

 Categoria: Tecniche di traduzione

< Terza parte di questo articolo

Nel 2014, infatti, Einaudi ha pubblicato una nuova traduzione di quest’opera affidandola a Matteo Colombo, traduttore piemontese che si è occupato di autori del calibro di DeLillo, Eggers, Chabon, Sedaris e Palahniuk. Il brano di seguito è un breve frammento estratto dalla versione originale, dalla traduzione di Motti e da quella di Colombo:

Anyway, it was December and all, and it was cold as a witch’s teat, especially on top of that stupid hill.[7]

Ad ogni modo, era dicembre e tutto quanto, e l’aria era fredda come i capezzoli di una strega, specie sulla cima di quel cretino di un colle.[8]

E comunque era dicembre e via dicendo, un freddo cane, specie in cima a quella stupida collina.[9]

Il linguaggio di Colombo è molto ringiovanito rispetto all’edizione 1961. D’altronde, da una versione all’altra sono passati più di cinquant’anni ed è quindi normale che la lingua italiana sia cambiata notevolmente. A prima vista, la traduzione di Motti sembra più fedele al significato originale, dato che ricalca l’espressione cold as a witch’s teat rendendola in “aria fredda come i capezzoli di una strega”. In realtà, l’espressione inglese è una frase idiomatica, di registro informale, usata dai giovani per esprimere l’idea di freddo. Analogamente, Colombo decide di utilizzare un’espressione che abbia lo stesso effetto in italiano, scegliendo “freddo cane”. La versione spagnola compie una scelta simile a quella di Colombo, infatti, nella traduzione di Carmen Criado, si legge:

Bueno, pues era diciembre y todo eso y hacía un frío que pelaba, sobre todo en lo alto de aquella estúpida colina.[10]

Frío que pelaba è un’espressione idiomatica spagnola appartenente allo stesso registro dell’originale (e di Colombo), e supporta quindi la teoria che nella nuova versione de Il Giovane Holden, almeno in questo caso, sia stato applicato un canone di maggior fedeltà alla forma originale.

Il testo italiano del 2014, quindi, non ha subito solo un processo di modernizzazione ma, grazie all’evoluzione degli studi traduttivi avvenuta nel frattempo, riesce anche a rispettare maggiormente il testo di partenza con un italiano che svolge le stesse funzioni comunicative.

Quinta parte di questo articolo >

Autore dell’articolo:
Andrea Facci
Traduttore
Bologna

[7]] J.D. Salinger, The Catcher in the Rye, Penguin Books, 2010, p. 4.
[8] J.D. Salinger, Il Giovane Holden, 1961, cit., p. 6.
[9] J.D. Salinger, Il Giovane Holden, Torino, Einaudi, 2014, p. 7.
[10] J. D. Salinger, El Guardián Entre el Centeno, Madrid, Alianza Editorial, 2010, p. 15.

La Ritraduzione (3)

 Categoria: Tecniche di traduzione

< Seconda parte di questo articolo

Ma perché si ritraduce?Spesso si ritraduce per avvicinarsi maggiormente al testo di partenza, per adempiere al canone di fedeltà semantica che, talvolta, può non essere rispettato nelle edizioni precedenti di un’opera. È bene ricordare che la lingua nel corso del tempo si evolve, cambia, muta profondamente e, i testi tradotti, spesso invecchiano con lei.

Il faut retraduire parce que les traductions vieillissent, et parce qu’aucune n’est la traduction : par où l’on voit que traduire est une activité soumise au temps, et une activité qui possède une temporalité propre : celle de la caducité de l’inachèvement.[5]

Ricordo, ad esempio, che quando da adolescente leggevo la versione italiana di The Catcher in the Rye, iconico romanzo di J.D. Salinger tradotto da Adriana Motti nel 1961 in Il Giovane Holden, trovavo il lessico utilizzato, per quanto idiomatico e giovanile, più appartenente a un’epoca passata.

Dopo che la vecchia Sunny se n’era andata, restai per un poco seduto nella poltrona a fumare un paio di sigarette. Fuori faceva giorno. Ragazzi, come mi sentivo infelice. Mi sentivo così depresso che non potete immaginarvelo. […]

Bobby Fallon abitava proprio vicino a noi, nel Maine – questo, anni fa. Ad ogni modo, successe che un giorno Bobby ed io dovevamo andare in bicicletta al Lago Sedebego. Dovevamo portarci la colazione e tutto quanto, e i nostri fucili ad aria compressa – eravamo due ragazzini e via discorrendo, e credevamo di poter sparare a qualche cosa coi nostri fucili ad aria compressa.[6]

Quarta parte di questo articolo >

Autore dell’articolo:
Andrea Facci
Traduttore
Bologna

[5] A.Berman, La Retraduction comme Espace de la Traduction, Presses Sorbonne Nouvelle, Parigi, 1990, p. 1.
[6] J.D. Salinger, Il Giovane Holden, Torino, Einaudi, 1961, p. 116.

La Ritraduzione (2)

 Categoria: Tecniche di traduzione

< Prima parte di questo articolo

Perché ritradurre?
La ritraduzione è una pratica molto antica e ben consolidata, tanto è vero che nel XVII secolo, Charles Sorel affermava:

[…] c’est le privilège de la traduction de pouvoir être réitérée dans tous les siècles, pour refaire les livres, selon la mode qui court.[2]

Nel panorama letterario di oggi, una sostanziosa percentuale della prassi traduttiva è rappresentata da ritraduzioni. Seguendo il ragionamento di Patrizia Pierini esposto in La Ritraduzione in Prospettiva Teorica e Pratica, scopriamo che:

La ritraduzione ha luogo di solito perché nella cultura di arrivo muta in tutto o in parte la ‘situazione di traduzione’, vale a dire i riceventi, l’uso linguistico, le convenzioni testuali, l’esigenza traduttiva, il contesto nei suoi vari aspetti sociali, politici, economici, culturali. […]

Come altre questioni traduttive, il fenomeno della ritraduzione è da porsi in relazione alla tipologia dei testi […]. Se il testo letterario è il tipo per eccellenza che viene ritradotto, ve ne sono anche altri, come il testo biblico e il testo argomentativo all’interno della comunicazione settoriale.[3]

Nell’ambito della letteratura sacra, in una recente ritraduzione della Bibbia, è stata rivista la versione italiana del Padre Nostro e il cardinale Giuseppe Vetori, in un’intervista ad Avvenire, ha affermato:

  • Perché si scelse proprio quella traduzione?

Non è la traduzione più letterale, ma quella più vicina al contenuto effettivo della preghiera. In italiano, infatti, il verbo indurre non è l’equivalente del latino inducere o del greco eisferein, ma qualcosa in più. Il nostro verbo è costrittivo, mentre quelli latino e greco hanno soltanto un valore concessivo: in pratica lasciar entrare.

  • I francesi hanno tradotto ne nous laisse pas entrer en tentation, cioè, “non lasciarci entrare in tentazione. C’è differenza?

Noi abbiamo scelto una traduzione volutamente più ampia. “Non abbandonarci alla tentazione” può significare “non abbandonarci, affinché non cadiamo nella tentazione” […] ma anche “non abbandonarci alla tentazione quando già siamo nella tentazione”. C’è dunque maggiore ricchezza di significato perché chiediamo a Dio che resti al nostro fianco e ci preservi sia quando stiamo per entrare in tentazione, sia quando vi siamo già dentro.[4]

Terza parte di questo articolo >

Autore dell’articolo:
Andrea Facci
Traduttore
Bologna

[2] Ch. Sorel : Bibliothèque française, Paris, 1664, cap. XI, De la Traduction p. 194 in M. Ballard: De Cicéron à Benjamin. Traducteurs, traductions, réflexions, Lille, Presse Universitaires de Lille, 1992, p. 264.
[3] P. Pierini, La Ritraduzione in Prospettiva Teorica e Pratica in L’Atto del Tradurre. Aspetti Teorici e Pratici della Traduzione, Roma, Bulzoni 1999, p. 51.
[4] https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/ii-padre-nostro-ecco-come-cambia-in-italiano

La Ritraduzione

 Categoria: Tecniche di traduzione

Tradurre significa trasferire un messaggio da una lingua di partenza (LP) a una lingua di arrivo (LA). Spesso riprodurre questo messaggio utilizzando le stesse parole è impossibile, dato che le lingue sono sistemi autonomi che funzionano in maniera diversa, sempre influenzate dalla propria cultura.

Come giustamente fa notare Umberto Eco, non è mai possibile dire la stessa cosa in una lingua diversa, tanto è vero che intitola un suo famoso libro sulla traduzione Dire quasi la Stessa Cosa, nel quale afferma:

Supponiamo che in un romanzo inglese un personaggio dica it’s raining cats and dogs. Sciocco sarebbe quel traduttore che, pensando di dire la stessa cosa, traducesse letteralmente piove cani e gatti. Si tradurrà piove a catinelle o piove come Dio la manda. Ma se il romanzo fosse di fantascienza […] e raccontasse che davvero piovono cani e gatti? […] se il personaggio stesse andando dal dottor Freud per raccontargli che soffre di una curiosa ossessione verso cani e gatti […]? Si tradurrebbe […] letteralmente, ma si sarebbe perduta la sfumatura che quell’Uomo dei Gatti è ossessionato anche dalle frasi idiomatiche.[1]

Esiste un numero infinito di variabili che obbligano il traduttore a evitare la strada della traduzione letterale. Le espressioni idiomatiche citate da Eco sono solo una delle innumerevoli sfide che un traduttore deve affrontare quotidianamente.

La traduzione, nel corso dei secoli, ha sempre affascinato gli studiosi della letteratura ma solo negli anni Settanta e Ottanta del Novecento nascono i cosiddetti Translation Studies, studi volti a comprendere le pratiche e le strategie che si celano dietro a questa prassi ormai consolidata. L’interesse si sposta sul processo traduttivo, cercando di chiarire le ragioni che hanno determinato le scelte di un traduttore. La traduzione, finalmente, da questo momento in poi, viene considerata come un atto creativo, un lavoro di reinterpretazione e come opera autonoma rispetto all’originale, e non più come il semplice frutto di un lavoro meccanico che consisteva nel trasferire parole da una lingua all’altra. Inoltre, per la prima volta si passa a osservare la pratica traduttiva, si attribuisce grande importanza alla figura del traduttore che è visto come mediatore culturale in grado di individuare la diversità tra la cultura di partenza e quella di arrivo, sapendosi comportare di conseguenza.

Seconda parte di questo articolo >

Autore dell’articolo:
Andrea Facci
Traduttore
Bologna

[1]U. Eco, Dire Quasi la Stessa Cosa– Esperienze di Traduzione, Bompiani, Milano, 2016, pp. 9-10.

Ostacoli della traduzione medica

 Categoria: Problematiche della traduzione

Per un traduttore che intraprende il viaggio della traduzione medica, vi sono alcuni ostacoli da considerare nella produzione di un buon lavoro finale. Come con ogni tipologia di traduzione, sono necessarie ricerche accurate e conoscenza personale, che possono facilmente essere approfondite attraverso la consultazione di siti internet affidabili e riviste mediche. Ciononostante, esistono problematiche intrinseche alla traduzione medica e comprenderle può rivelarsi cruciale per il paziente e può permettere di conseguire risultati soddisfacenti e di alta qualità.

Pubblico target
La terminologia medica presenta sfide che si differenziano da altri domini di traduzione specialistici. Prima di tutto, è importante che il traduttore medico determini con precisione il suo destinatario. Ad esempio, il termine “Varicella” non dovrebbe essere tradotto in inglese come “Varicella” se il pubblico target è costituito da inesperti (ad esempio un paziente). Il termine corretto, in inglese, sarebbe “Chickenpox”. Se si traduce verso l’inglese, è di fondamentale importanza sapere se il pubblico di riferimento adotti la terminologia medica britannica o statunitense. A volte è solo una questione di variante ortografica (ad es. “hematoma” negli Stati Uniti contro “haematoma” nel Regno Unito); in altri casi, invece, il significato di uno stesso termine cambia completamente da inglese statunitense a inglese britannico. Ad esempio, il termine “surgery” che negli Stati Uniti indica il luogo in cui si subisce un’operazione chirurgica, in inglese britannico indica invece lo studio medico, e anche i relativi orari di apertura.

Nomi di farmaci ed eufemismi
Meritano particolare attenzione i nomi dei farmaci, e bisogna tracciare una distinzione tra questi ultimi e la cosiddetta Denominazione Comune Internazionale (DCI). La DCI rappresenta un nome comune assegnato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) a una sostanza farmaceutica, e si differenzia dal nome del farmaco. Per esempio, quando si traduce il termine inglese “Tylenol” in italiano, la conoscenza della DCI aiuterebbe il destinatario finale a identificare il farmaco equivalente utilizzato in Italia. “Tylenol”, infatti, è il nome commerciale dell’equivalente inglese “Paracetamol” secondo la DCI, e avere questa informazione aiuterebbe il traduttore medico a rendere correttamente il termine inglese “Tylenol” nell’italiano “Tachipirina”.
Infine, anche gli eufemismi sono comuni nella traduzione medica. Ad esempio, spesso i medici utilizzano eufemismi per riferirsi a situazioni delicate o spiacevoli, come “decedere” o “condizioni critiche” in riferimento a un paziente che sta per morire e non ha possibilità di guarigione.
È fondamentale che il traduttore medico sia in grado di cogliere le sfumature al fine di ottenere una traduzione fedele e accurata.

Tradurre le apparecchiature mediche
Una delle maggiori sfide nella traduzione di contenuti specifici relativi ad apparecchiature mediche è fornire materiale adeguato e formazione al traduttore, in modo che possa avere un’approfondita conoscenza dei prodotti su cui si lavora e portare a termine la traduzione in modo fedele e accurato. È importante che sia il cliente che il traduttore investano del tempo nella condivisione di conoscenze legate al prodotto e nel conseguente apprendimento. Potrebbe sembrare una perdita di tempo, specialmente dal punto di vista del cliente, ma vi sono enormi benefici in termini di qualità linguistica se il traduttore comprende bene tutte le complessità di quanto sta traducendo. Approcciarsi fisicamente al prodotto può anche essere estremamente d’aiuto, e un tour della sede dove si trova il cliente potrebbe sicuramente far maturare esperienza nel traduttore e aiutarlo a capire la catena di montaggio e come il prodotto è stato creato di prima mano.

Conclusioni
La traduzione medica presenta ostacoli tipici esclusivamente dell’ambito medico e che bisogna tenere in considerazione per produrre una traduzione accurata, dato che l’accuratezza risulta d’importanza vitale quando si ha a che fare con la vita e la salute delle persone. Ricerche approfondite e conoscenza di base dell’ambito medico sono essenziali nel processo di traduzione per qualsiasi traduttore medico.

Fonte: Articolo di Ilaria Ghelardoni pubblicato il 30 dicembre 2016 su Ulatus

Traduzione a cura di:
Beatrice Gandolfo
Interprete di conferenza e traduttrice,
Milano

Difficoltà nella traduzione dal russo

 Categoria: Problematiche della traduzione

Oggi, i servizi per la traduzione di testi in lingue straniere sono molto richiesti per fornire informazioni importanti ai clienti esteri. Una persona non esperta non può nemmeno immaginare quanto sia complesso questo tipo di traduzioni e quanto sia difficile trovare dei professionisti in grado di svolgere questo compito in modo adeguato. Questa problematicità è legata a una serie di difficoltà presenti in questo tipo di attività di traduzione.

Fattori oggettivi
Al momento, solo il 10% del numero totale di traduttori in attività è in grado di eseguire in modo rapido ed efficiente un servizio di traduzione di documenti commerciali o tecnici in una lingua straniera. Una tale situazione in questo settore è dovuta alle seguenti difficoltà:

  • Un servizio di traduzione di qualità presuppone la consegna di un documento comprensibile e adeguato a un destinatario che parla una lingua straniera. Perché questo documento abbia tali caratteristiche, il traduttore deve immergersi completamente nella realtà linguistica ed essere anche in grado di pensare nella lingua straniera con cui lavora;
  • I servizi di traduzione di documenti comportano l’uso da parte del traduttore di parole tratte sia dal vocabolario attivo, sia da quello passivo per la costruzione di strutture linguistiche. Si tratta di quelle espressioni e costruzioni che un madrelingua sente fin dall’infanzia in televisione o dalle persone che lo circondano. È per questo che questo compito viene svolto al meglio da persone di madrelingua straniera o da professionisti che risiedono da tempo in un paese straniero;
  • Ordinare la traduzione di un testo con la relativa digitazione su un supporto può essere complicato dalle difficoltà di stampare in modo veloce e corretto il documento in una lingua straniera.

Soluzioni ottimali ai problemi
Nonostante tutte queste difficoltà, ci sono diverse soluzioni per ottenere una traduzione di qualità dal russo in una lingua straniera. Sono le seguenti:

  • Coinvolgere un madrelingua nella traduzione di un testo dal russo in una lingua straniera. Tuttavia, anche qui possono nascondersi delle “insidie”. Dopotutto, il numero di madrelingua stranieri in grado di svolgere questo lavoro è limitato e quelli che ancora lavorano in questo campo sono spesso “sommersi” di lavoro. Inoltre, tale madrelingua deve avere una conoscenza approfondita degli argomenti con cui dovrà lavorare;
  • Coinvolgere traduttori professionisti. Anche qui ci sono delle difficoltà, poiché anche un linguista di alto livello avrà bisogno di molto tempo per modificare la traduzione e adattarla ai requisiti esistenti. Di conseguenza, la velocità di traduzione si riduce notevolmente, il che può essere del tutto inaccettabile in determinate circostanze;
  • Commissionare la traduzione di un testo a una agenzia di traduzione. Tale approccio è la soluzione ottimale, in quanto il lavoro viene svolto da un grande team di linguisti e revisori che rapidamente elaborano un testo nella forma corretta. In questo caso la traduzione viene eseguita entro il termine stabilito e risulta precisa e di qualità.

Fonte:  https://als.ltd/articles/trudnosti-perevoda-s-russkogo-jazyka

Traduzione a cura di:
Alessandra Varini
Traduttrice En/Ru/De > It – Varese